• Una compagnia dell'acqua olandese cessa i rapporti con la Mekorot seguendo i consigli del governo

    Comunicato del Comitato Nazionale Palestinese del BDS Il Comitato Nazionale Palestinese del BDS (BNC), la più ampia coalizione della società civile palestinese, applaude la Vitens, il più ampio fornitore di Read More
  • Un crescendo di boicottaggi sta conducendo Israele all’isolamento internazionale

    Attivisti e diplomatici occidentali stanno facendo fuoco contro gli insediamenti di Israele nei Territori palestinesi e, se i colloqui di pace fallissero, la pioggia di boicottaggi e sanzioni potrebbe trasformarsi Read More
  • Roger Waters sulla musica, il ruolo politico degli artisti ed il suo impegno per la Palestina

    La musica, il ruolo politico degli artisti ed il suo attivismo per la giustizia nel mondo, compresa la Palestina.  Frank Barat*: Quando hai preso la decisione di rendere così politico Read More
  • La conferenza sulla storia orale all’Università Ebraica a Gerusalemme subisce due forti colpi

    Comunicato della Campagna per il boicottaggio della Conferenza sulla storia orale all'Università Ebraica di Gerusalemme Siamo lieti di annunciare che la “Conferenza internazionale sulla storia orale” prevista per giugno 2014 e Read More
  • Al Haq: Fondati motivi per ritenere Pizzarotti & C. SpA responsabile di crimini di guerra

    L’organizzazione palestinese per i diritti umani Al Haq ha pubblicato un parere legale sul coinvolgimento della Pizzarotti & C. SpA nella costruzione del treno ad alta velocità Tel Aviv – Gerusalemme Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

BDS Italia

Il 13 settembre si terrà a Capo Frasca una manifestazione nazionale per chiedere il blocco immediato di tutte le esercitazioni militari in Sardegna e in particolare quelle delle forze armate israeliane che portano morte e distruzione in Palestina.

Secondo un documento del Ministero della Difesa, a partire dal 21 settembre a Capo Frasca è previsto un ciclo di esercitazioni degli F15 e F16 della Israeli Air Force (IAF). Da Gaza sono arrivati tantissimi foto-appelli contro le esercitazioni militari israeliane in Sardegna e un appello di organizzazioni e sindacati per intensificare la campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni, incluso l’embargo militare.

Leggi tutto: Comunicato di adesione alla manifestazione nazionale del 13 Settembre in Sardegna: mobilitatevi...

Fin dal 2004, la Campagna Palestinese per il Boicottaggio Accademico e Culturale di Israele (PACBI), che fa parte del Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC) con il compito specifico di supervisionare gli aspetti BDS del boicottaggio accademico e culturale, ha invitato al boicottaggio delle istituzioni culturali ed accademiche israeliane. Ciò si basa sul fatto che queste istituzioni sono profondamente complici nel sistema di oppressione israeliano, che ha negato ai palestinesi i loro diritti fondamentali garantiti dal diritto internazionale, o che ostacolato l’esercizio di tali diritti, inclusi la libertà accademica e il diritto all’educazione. 

Le istituzioni accademiche sono un punto chiave della struttura ideologica ed istituzionale del regime di oppressione, colonialismo ed apartheid di Israele contro la popolazione palestinese. [1] Fin dalla sua fondazione, l’accademia israeliana ha scritturato il suo destino con l’establishment politico-militare egemone in Israele, e nonostante gli sforzi di una manciata di accademici di principio, l’accademia israeliana è profondamente implicate nel supporto e nella perpetuazione del sistematico diniego di Israele dei diritti dei palestinesi. 

Il boicottaggio delle istituzioni accademiche a cui il PACBI invita è stato appoggiato al Consiglio Palestinese per l’Educazione Superiore (CHE), è in linea con l’autorevole appello del CHE di “non-cooperazione tra università palestinesi ed israeliane nei campi tecnici e scientifici”, [3] ed è supportata dalla Federazione Palestinese dei Sindacati dei Professori e dei Dipendenti Universitari (PFUUPE).

Leggi tutto: Linee guida del PACBI per il boicottaggio accademico internazionale di Israele (rivedute a Luglio...

Da Gaza sono arrivate tantissimi foto-appelli contro l'addestramento dell'esercito israeliano in Sardegna. Rispondiamo al loro appello! #gaza2sardegna

►Firma contro le esercitazioni militari israeliane in Sardegna: http://chn.ge/1wgn93I

►Partecipa il 30 agosto a Cagliari all'assemblea internazionale contro le esercitazioni israeliane in Sardegna e per il sostegno al BDS: https://www.facebook.com/events/714353208614048/

Lanciata dalla stragrande maggioranza delle organizzazioni della società civile palestinese nel 2005 e ispirata dal movimento contro l’apartheid in Sudafrica, la campagna per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) è ormai un diffuso movimento internazionale.

La campagna BDS si sta dimostrando capace di ottenere un sostegno di massa e di convincere aziende, istituzioni culturali, artisti e governi ad aderire o osservare il boicottaggio di Israele. Unisciti alla campagna per contribuire a costruire il movimento internazionale BDS contro il regime israeliano di occupazione, colonialismo e apartheid.

1. Prodotti delle società israeliane o aziende internazionali complici dell’occupazione

Cercare di boicottare ogni singola azienda complice dell’apartheid israeliana è un compito arduo che ha poche possibilità di avere un impatto concreto. Ha più senso concentrarsi su società o prodotti oggetti di campagne nazionali o internazionali. Di seguito alcuni prodotti che si trovano in Italia:

Leggi tutto: 8 modi per sostenere la Palestina attraverso il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro...

Sottoscrivi la lettera per un embargo militare ad Israele

Quasi 100 artisti e personalità di tutto il mondo, anche italiani, hanno pubblicato una lettera aperta per esigere che l’ONU e i governi del mondo impongano un embargo militare totale e giuridicamente vincolante verso Israele, simile a quello imposto al Sud Africa durante l'apartheid”. [1] 

La lettera porta la firma dei Premi Nobel Desmond Tutu, Mairead Maguire, Jody Williams and Rigoberta Menchú. Tra le firme italiane Ascanio Celestini, il deputato Giulio Marcon e Luisa Morgantini, già vice presidente del Parlamento europeo. I firmatari affermano che “[l]a capacità di Israele di lanciare impunemente attacchi così devastanti”, come quelli in corso contro la popolazione palestinese a Gaza, “deriva in gran parte dalla vasta cooperazione militare e dalla compravendita internazionale di armi che Israele intrattiene con governi complici di tutto il mondo”.

L’appello per l’embargo ad Israele viene pubblicato dopo l’invasione di terra a Gaza, colpita duramente dall’aviazione, dalla marina e dalla fanteria israeliane, con 28 morti solo nelle prime ore, tra cui tanti bambini. Mercoledì quattro bambini sono stati uccisi dai missili lanciati da una nave di guerra israeliana mentre giocavano a calcio sulla spiaggia di Gaza City, come testimoniato dalla stampa internazionale presente sulla scena. Al dodicesimo giorno di attacchi da cielo, mare e terra, sono almeno 314 i palestinesi uccisi, l’80% civili secondo l’ONU.[2]

firma

La lettera sottolinea il ruolo dell’Europa nell’armare Israele. Non solo i paesi europei “hanno esportato in Israele miliardi di euro in armi” ma l'Unione europea ha anche “concesso alle imprese militari e alle università israeliane fondi per la ricerca militare del valore di centinaia di milioni di euro” sostenendo così lo sviluppo della tecnologia militare israeliana che viene “commercializzata quale ‘collaudata sul campo’ ed esportata in tutto il mondo”.

L’Italia ha il triste primato in Europa per forniture di armamenti ad Israele. Mentre Israele avviava gli attacchi a Gaza, i primi due dei 30 caccia addestratori M-346 della Alenia Aermacchi, gruppo Finmeccanica, sono stati consegnati all'aeronautica israeliana. [3]

Leggi tutto: 100 Premi Nobel, artisti e intellettuali chiedono un embargo militare ad Israele

Altri articoli...

  1. Urgente appello dalla società civile palestinese di Gaza: agite ora!
  2. Appello dalla Palestina: Luglio 2014 - Mese contro il Muro dell'Apartheid! #StopImpunity
  3. Le iniziative in programma in Italia per commemorare la Nakba 2014
  4. Giornata della Terra: La Earth Day Network interrompe i rapporti con la Sodastream

Pagina 1 di 11

BDS Italia su Facebook

bdsitalia Yesterday's national demo against Nato/Israel joint military trainings #BDS @BDSmovement @BDSsouthafrica @intifada http://t.co/6voHBpQRO6
12hreplyretweetfavorite
bdsitalia The unpublicized impact of a successful BDS action | Al Akhbar English http://t.co/QlxSa52Mgh via @AlakhbarEnglish
12hreplyretweetfavorite
bdsitalia #BlockTheBoat il vero impatto dell'azione taciuto dai media http://t.co/XADo9XGE0L
12hreplyretweetfavorite

Tags

Il Movimento BDS

PACBI

BDS in Israele

PACBI