nexium online australia, price of zyprexa no prescription, buy antibiotics online, cost of arimidex online

good news:

Il Consiglio europeo per le Relazioni Estere (ECFR)  pubblica un documento in cui raccomanda l'UE adottare misure contro le istituzioni finanziarie che facciano affari in Cisgiordania. Sensibile ribasso dei titoli bancari israeliani subito dopo che i media israeliani hanno riportato un articolo della Reuters sul documento.

Il grado di preoccupazione in Israele circa la possibilità di future sanzioni è stato particolarmente evidente per tutti martedì scorso, allorché la diffusione di un rapporto da parte di un think tank europeo ha fatto si che l'indice bancario di Tel Aviv perdesse 2.3 punti in meno di un'ora (2.46 complessivamente nella giornata).

Il report pubblicato dall’ECFR include una serie di indicazioni volte a distinguere tra le relazioni ufficiali UE-Israele e quelle che hanno connivenze con le attività negli insediamenti illegali in Cisgiordania, con una speciale enfasi sul sistema bancario (l'intero report disponibile al link).

Secondo gli autori del rapporto,Hugh Lovatt and Mattia Toaldo, "distinguere e differenziare, in ambito UE, tra Israele e le attività delle colonie sono degli strumenti più significativi a disposizione dell'UE per contrastare il sistema degli incentivi che Israele stesso pone in atto per mantenere lo status quo".

Leggi tutto: L’indice dei titoli bancari di Tel Aviv crolla in seguito al rapporto sulle colonie

All'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per la politica estera, Federica Mogherini

a Robert Jan Smits, direttore generale per la ricerca e l'innovazione,

ci rivolgiamo a voi a proposito della partecipazione di Israele al nuovo programma Horizon 2020. Apprezziamo le linee guida della UE per regolamentare l'ammissibilità di strutture israeliane a programmi di finanziamento e strumenti finanziari dell'UE e riteniamo che siano un passo importante nella giusta direzione. Queste linee guida mostrano che la UE riconosce le proprie responsabilità e i propri obblighi politici al rispetto del diritto internazionale nell'attribuzione di fondi, sovvenzioni e premi a strutture israeliane. Tuttavia, la società civile palestinese ha sollevato la preoccupazione che queste linee guida possano non essere sufficienti o non essere correttamente interpretate al fine di garantire effettivamente che il denaro della UE non sia assegnato in forme che assistano e forniscano aiuto alle violazioni di norme vincolanti del diritto internazionale da parte di Israele.

In una lettera congiunta, organizzazioni della società civile palestinese hanno portato alla nostra attenzione un rapporto redatto da Stop the Wall che dà conto dell'assistenza finanziaria alla Elbit Systems e ad altre aziende israeliane militari e per la sicurezza coinvolte nelle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele.

Elbit Systems è una delle maggiori aziende militari israeliane e uno dei maggiori produttori di droni, armi ed altra tecnologia che è parte chiave dell'apparato militare israeliano. Finanziare ricerca e sviluppo tecnologico della Elbit Systems o di qualsiasi altra azienda simile violerebbe come minimo la politica della UE contro il finanziamento di progetti ad uso sia civile che militare. Oltre a questo, la tecnologia di Elbit si è sviluppata nel corso di azioni militari israeliane che sono state severamente condannate da Stati membri UE ed hanno provocato mobilitazioni di massa in Europa.

Leggi tutto: 73 Parlamentari Ue alla Mogherini: No ai finanziamenti alle imprese israeliane complici...

Secondo il Ministero delle Finanze, un boicottaggio totale di Israele da parte dell’Unione Europea costerebbe al paese 88 miliardi di shekels (23.3 miliardi di US$) in esportazioni, ridurrebbe il PIL di 4.4 miliardi di shekels e farebbe perdere circa 36,500 posti di lavoro.

Il boicottaggio totale è il peggiore tra i quattro scenari analizzati in un rapporto commissionato due anni fa dal Ministro delle Finanze di allora, Yair Lapid. Ma anche un boicottaggio più limitato avrebbe gravi effetti sull’economia.

Il rapporto, che ha preso in considerazione solo l’impatto diretto del boicottaggio, risponde al timore, in ambienti governativi, che i rapporti tra Israele, l’Europa e l’Occidente, stiano peggiorando. Dopo l’11 di settembre Israele era percepito come un alleato dell’Occidente nella cosiddetta guerra al terrore, ma recentemente “ il prestigio di Israele, soprattutto negli ambienti liberali, è declinato. Oggi il boicottaggio è promosso da ONG e da persone di alto profilo pubblico.”

Leggi tutto: Un boicottaggio totale UE costerebbe a Israele miliardi di dollari, avverte il Ministero delle...

Gli investimenti diretti esteri in Israele sono scesi del 50% nel 2014 secondo il Rapporto sugli investimenti mondiali 2015 pubblicato ieri dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).

La settimanale Newsweek riporta: Investimenti esteri in Israele scendono del 50%

Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite ha rivelato che gli investimenti diretti esteri in Israele sono scesi di quasi il 50% nel 2014, rispetto all'anno precedente, mentre il paese continua a subire gli effetti del conflitto di Gaza della scorsa estate.

Il rapporto, pubblicato dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD), dimostra che sono stati investiti nel paese solo € 5,7 miliardi nel 2014, rispetto ai € 10,5 miliardi nel 2013, un calo di € 4,8 miliardi, ovvero del 46%. Anche gli investimenti di Israele in altri paesi sono diminuiti del 15%, da € 4,2 miliardi nel 2013 a € 3,5 miliardi dello scorso anno.

Newsweek cita una degli autori del rapporto, Dott.ssa Ronny Manos, ricercatrice presso la Open University di Israele, che attribuisce il calo degli investimenti alle conseguenze dell'assalto militare israeliano a Gaza della scorsa estate e ai "boicottaggi internazionali" contro Israele per le sue "presunte violazioni del diritto internazionale". Il giornale israeliano Ynet aggiunge che, secondo Manos, “queste sono solo ipotesi che possono spiegare il forte calo".

Leggi tutto: Calo del 50% degli investimenti esteri in Israele nel 2014 a causa degli attacchi su Gaza e il BDS

Thurston Moore, membro fondatore dei Sonic Youth, ha confermato il suo sostegno al boicottaggio culturale di Israele, in seguito alla cancellazione della sua performance a Tel Aviv all'inizio di quest'anno.

Il celebre cantautore e chitarrista ha fatto queste osservazioni in un articolo scritto dal musicista britannico-palestinese Samir Eskanda, e pubblicato questa settimana dalla rivista di musica online The Quietus.

Il pezzo, 'Io sono uno dei 1000 Artisti del Regno Unito che hanno aderito al boicottaggio di Israele. Ecco Perche ', spiega il caso di Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni e (BDS), e comprende i contributi di artisti che hanno deciso di sostenere la richiesta palestinese.

Thurston Moore ha annullato concerto in programma della sua band a Tel Aviv nel mese di aprile "senza dare una spiegazione ufficiale." Tuttavia, parlando con Eskanada, ha confermato di essere "giunto alla conclusione personale che la performance della mia band in Israele era in conflitto diretto con i miei valori."

Leggi tutto: Thurston Moore dei Sonic Youth: Ho annullato concerto in Israele a sostegno del BDS

Ti chiedi perché Benjamin Netanyahu abbia dichiarato guerra al movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni), perché Sheldon Adelson e Haim Saban abbiano organizzato una conferenza segreta a Las Vegas per combatterlo, Yair Lapid dica che le persone dietro il BDS abbiano pianificato gli attacchi dell’11 settembre, e Ari Shavit definisca il movimento "malvagio e sofisticato"?

Bene, ecco perché. Il Financial Times ha pubblicato un articolo lungo, e abbastanza equilibrato, sulla rapida crescita del BDS, che comprende due splendide cifre finanziarie che dimostrano quanto stia diventando potente il movimento nonviolento per la giustizia in Israele / Palestina.

L'informazione più importante è in fondo all'articolo: 

Tuttavia, ci sono segnali che l'inquietudine di Israele sul BDS è genuina. Questa settimana un quotidiano finanziario israeliano ha dato notizia di un rapporto del governo trapelato in cui si stima che il BDS potrebbe costare all'economia israeliana $1,4 miliardi all’anno. La stima si basa anche sulle ridotte esportazioni dagli insediamenti, in linea con i piani dell'Unione europea di iniziare ad etichettatura le merci ivi fabbricate, - non fa parte del movimento BDS, anche se molti israeliani mettono le due cose insieme. La Rand Corporation, il think-tank statunitense, afferma che i costi potrebbero essere più di tre volte superiori: $47 miliardi in 10 anni.

Questa è la vera storia del BDS. Sta avendo un impatto enorme. La CNN ha fatto un servizio sul rapporto della Rand l'altro giorno - un colpo da 15 miliardi dollari da parte del BDS, in gran parte dovuto ai suoi successi in Europa – mentre lo stesso giorno il New York Times ha pubblicato un pezzo sulla Telecom francese che nega il suo sostegno al BDS, ma senza una parola tanto riguardo lo studio della Rand, quanto le cifre trapelate del governo israeliano. (Jodi Rudoren, giornalista del New York Times, ha scritto sul rapporto della Rand l'8 giugno, ma per qualche motivo ha trovato la stima del costo del BDS di 47 miliardi dollari immeritevole di menzione). L’articolo fazioso di Rudoren sul BDS – che riporta la marcia indietro dell’Orange, ma  ommette le cifre miliardarie che hanno creato scalpore nei media israeliani e altri - dimostra ancora una volta il perfetto , totale allineamento del suo "giornalismo" al Centro di Hasbara (propaganda).

Fonte: Mondoweiss 

Traduzione di BDS Italia 

Leggi tutto: La campagna BDS potrebbe costare a Israele 4,7 miliardi dollari all'anno

Il fondo pensione norvegese KLP ($65 miliardi) ha annunciato la scorsa settimana che escluderà le società Heidelberg Cement e Cemex dai loro portafogli di investimento.

Il motivo dell'esclusione è l'estrazione da parte delle società delle risorse naturali in Cisgiordania, territorio palestinese occupato da Israele. Entrambe le società gestiscono cave con licenze israeliane nei territori occupati. Ciò priva i palestinesi del controllo e dei benefici delle proprie risorse ed è una violazione del diritto internazionale.

“Siamo felici che il KLP abbia dimostrato responsabilità etica e che escluderà quelle aziende. Sarebbe stato inaccettabile che le pensioni dei dipendenti dei comuni e delle contee norvegesi fossero investite in società che contribuiscono a privare i palestinesi delle loro risorse”, dice Mette Nord, presidente del Sindacato della Norvegia.

Nel rapporto del 2012 "Le relazioni pericolose: legami norvegesi con l'occupazione israeliana" il Fagforbundet, Sindacato norvegese dei lavoratori degli enti locali e dei servizi,  e il Norwegian People’s Aid avevano esortato le banche norvegesi e a i gestori di fondi ad escludere Heidelberg Cement e Cemex dai loro portafogli.

“Siamo lieti che il KLP abbia ascoltato i nostri consigli e che con questa decisione sostenga il diritto internazionale. Il loro lavoro diligente e le motivazioni pubblicate sono esemplari. Si tratta di un passo nella giusta direzione per ottenere che le banche norvegesi evitino investimenti che contribuiscano all'occupazione della Palestina. La banca norvegese Nordea ha già escluso Cemex per gli stessi motivi,” ha detto Liv Torres, segretario generale di Norwegian People’s Aid.

“Non vi è alcun dubbio che altre banche, per non parlare del Fondo Pensione Statale, dovrebbero fare lo stesso”, sostiene Liv Torres.

Fonte: Norwegians People’s Aid 

Traduzione di BDS Italia

Leggi tutto: Fondo pensione norvegese esclude Heidelberg Cement e Cemex, complici dell'occupazione israeliana

La compagnia francese ha annunciato di voler interrompere le relazioni commerciali con il partner israeliano, seppur l’operazione richiederà tempo. Reagisce l’establishment politico: “Ipocriti”, dice Lapid.

AGGIORNAMENTO ORE 14.45

Il governo israeliano si prepara a reagire contro la Orange dopo che Stephane Richard, amministratore delegato del colosso della telefonia mobile francese, ha sostenuto in una conferenza ieri al Cairo di essere pronto “anche domani” a tagliare i legami con la partner israeliana Orange perchè garantisce servizi ai coloni e ai soldati nei Territori Palestinesi Occupati. Lo ha comunicato il ministro dell’educazione, l’ultrazionalista Naftali Bennett


Stop delle relazioni commerciali con l’operatore israeliano della Orange. Così la compagnia francese Orange SA, tra le più grandi società di telefonia al mondo, ha preventivato la chiusura del contratto con la filiale israeliana, una delle tre compagnie telefoniche locali più grandi e note del paese.

Parlando ad una conferenza al Cairo l’amministratore delegato, Stephane Richard, ha fatto sapere che la compagnia intende ritirarsi da Israele il prima possibile. “Sono pronto ad abbandonarlo domani mattina, ma il punto è che voglio essere sicuro dei rischi legali per la compagnia. Voglio mettere fine a questo [rapporto], ma non voglio esporre la Orange a un rischio o a penalità”. 

Leggi tutto: Il movimento BDS preme sulla Orange, i francesi annunciano l'abbandono di Israele

Gli studenti ebraici contro la mozione - che si limita a chiedere il voto per l'adesione al BDS - dice: 'Stanno facendo un gran polverone molto più in Israele che in Gran Bretagna.'

La leadership dell'Unione Nazionale degli Studenti della Gran Bretagna (NUS), ha votato Martedì di boicottare Israele e si è affiliato con il movimento BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni). La mozione, che è passata per 19 a 14 nel Consiglio del Direttivo Nazionale dell'unione, non era nuova; conferma un voto simile dello scorso agosto durante il conflitto di Gaza.

Il voto, chiesto dall'unione degli studenti presso la Scuola di Studi Orientali e Africani di Londra, è stato criticato dall'Unione degli studenti ebrei, ma anche da esponenti del NUS, compreso il suo vice-presidente, Joe Vinson, che ha twittato dopo il voto che " L'antisemitismo è come un virus, si muta e infetta tutto ciò che tocca. E' mutato in BDS e NUS è infetto ".

Leader degli studenti ebrei hanno attaccato il voto, accusando il consiglio esecutivo dell'unione nazionale di essere diretta da esponenti radicali della sinistra. Lo scorso ottobre lo stesso consiglio esecutivo ha rifiutato di votare una condanna dello Stato islamico, noto anche come ISIS, sulla base del fatto che una tale mossa sarebbe "islamofoba". L'Unione degli studenti ebrei ha detto in una dichiarazione che la NUS "sta giocando alla politica".

Leggi tutto: L'Unione Studentesca Nazionale britannica aderisce al movimento BDS

Il governo del Brasile ha escluso una società israeliana che si occupa di "sicurezza" dal lavoro alle Olimpiadi del 2016 a Rio de Janeiro, a seguito di una campagna promossa da attivisti in solidarietà con la Palestina.

Nel mese di ottobre 2014, la società israeliana di Sicurezza Internazionale e Sistemi di Difesa (ISDS) aveva annunciato di essersi aggiudicata un contratto del valore di 2,2 miliardi dollari con il governo brasiliano per coordinare la sicurezza al grande evento sportivo. The “Times of Israel” descriveva l'accordo come "un risultato senza precedenti per Israele", mentre i dirigenti della società dichiaravano  di avere già iniziato a lavorare.

Ma l'8 aprile, dopo una trattativa separata in merito ai grandi eventi, il ministero della giustizia del Brasile ha negato che la società ISDS si fosse  aggiudicata alcun contratto.

Il ministero così si esprimeva in una dichiarazione scritta: "Ogni contratto concluso per gli eventi di Rio 2016 non comporterà compromessi per il governo brasiliano." Gli attivisti , hanno interpretato questo come un successo della campagna di protesta contro ISDS, sostenuta anche  da alcuni sindacati brasiliani.

Julio Turra, direttore esecutivo del CUT, il maggiore sindacato dei lavoratori in Brasile, afferma in un comunicato stampa: "Siamo contenti che il governo prenda le distanze dal ISDS. Sarebbe illegale e vergognoso assumere una società che sviluppa le sue tecnologie in complicità con i crimini israeliani e che sta accumulando denunce in merito alla sua connivenza con le dittature dell'America Centrale."

Questo successo arriva sulla scia di un'altra recente e significativa vittoria degli attivisti che promuovono il boicottaggio disinvestimento e sanzioni (BDS) contro Israele in Brasile.

Leggi tutto: Brasile annulla contratto da $2 miliardi con società di sicurezza israeliana per le Olimpiadi del...

Un portavoce di Nicola Sturgeon, primo ministro della Scozia, ha scritto agli organizzatori della conferenza 'Cessare il commercio scozzese di armi con Israele ' per inviare "i suoi migliori auguri."

Il Primo Ministro è comprensibilmente non disponibile ad intervenire, però "spera che l'evento sarà un successo".

"Come forse saprete, durante il recente conflitto a Gaza, il governo scozzese ha scritto al governo del Regno Unito per esigere un embargo sulla vendita di armi ad Israele. Il governo scozzese è un amico fermo della Palestina e continueremo a sollevare la questione dopo le elezioni".

Fonte: Ending Scottish Arms Trade with Israel

Traduzione di BDS Italia 

Leggi tutto: Primo Ministro della Scozia aderisce alla conferenza ‘Cessare il commercio scozzese di armi con...

La cantante statunitense non si esibirà a Tel Aviv, dopo le forti pressioni della campagna Bds e la rivisitazione della canzone che ha reso famosa l’artista.

“Killing me softly with your bombs, killing me softly with your wars”. Il messaggio inviato dal Comitato palestinese di Boicottaggio sotto forma di canzone ha convinto Lauryn Hill: la cantante R&B statunitense, ex voce dei Fugees, ha deciso di cancellare il concerto previsto per questo giovedì a Tel Aviv.

“Quando abbiamo deciso di suonare nella regione, la mia intenzione era di esibirmi sia a Tel Aviv che a Ramallah – ha scritto ieri la cantante sul suo sito web – Organizzare un concerto nei Territori Palestinesi e allo stesso tempo in Israele si è dimostrato una sfida”. Alla fine hanno prevalso le pressioni della campagna di boicottaggio culturale di Israele: “Ho deciso di cancellare la mia performance in Israele e tentare una diversa strategia per portare la mia musica a TUTTI i fan nella regione. Volevo essere una presenza che sostiene la giustizia e la pace”.

Una vittoria del Bds che si aggiunge alle tante conquistate in questi anni e che stanno facendo preoccupare non poco l’establishment politico israeliano. Tanto in ansia da approvare una legge – confermata due settimane fa dalla Corte Suprema israeliana – che vieta ogni forma di boicottaggio e incitamento al boicottaggio, pena multe salatissime per individui e organizzazioni e la perdita di eventuali sussidi statali. La legge è stata duramente criticata dalle associazioni per i diritti umani israeliane che la definiscono un’aperta violazione del diritto d’espressione. Come spesso accaduto, Tel Aviv ha giustificato la norma come un modo per preservare gli interessi nazionali: per mostrare al mondo un’immagine democratica, Israele spende ogni anno milioni di dollari.

Leggi tutto: Attivisti palestinesi: “Killing me softly with your bombs”. E Lauryn Hill cancella il concerto in...

La risoluzione per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) è il risultato dell'appello al paese del Ministro dell'Istruzione e della Formazione Superiore , Dr. Blade Nzimande [nelle foto] per il sostegno al boicottaggio accademico del “[regime]di apartheid di Israele”.

Il giornale Live Times di lunedì [4 maggio] ha riportato che gli organsmi che rappresentano gli studenti di cinque università sudafricane hanno emesso un comunicato congiunto per sostenere il boicottaggio accademico e culturale di Israele. Il comunicato è stato distribuito nella conferenza stampa tenutasi nella sala Miriam Makeba dell'Università del Sud Africa.

“Oggi è una giornata storica in cui rendiamo pubbliche le risoluzioni adottate dai Consigli rappresentativi studenteschi (SRCs) delle nostre università che si uniscono al boicottaggio accademico e culturale di Israele” si legge nel comunicato. I Consigli hanno affermato di avere anche accolto l’impegno dell'Unione sudafricana degli studenti nell'agosto 2011 di assicurare che tutti i campus sudafricani siano aree libere dall'apartheid israeliano.

La risoluzione per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS)è il risultato dell'appello al paese del Ministro dell'Istruzione e della Formazione Superiore , Dr. Blade Nzimand,a favore del boicottaggio accademico del “[regime] di apartheid di Israele”.

“Verificheremo i fondi di finanziamento delle università ed le imprese fornitrici di servizi” dicono i SRCs “per assicurare che le società che violano l'appello BDS e sono quindi complici dell'occupazione israeliana, quali G4S Security, Caterpillar, Veolia, Alstom Cape Gate, ecc., siano esclusi da contratti di finanziamento e per la fornitura di servizi”.

Fonte: Middle East Monitor

Traduzione BDS Italia

Leggi tutto: Le Università del Sud Africa si uniscono al boicottaggio accademico di Israele

L'azienda israeliana di cosmesi Ahava ha annullato il Twitter Festival previsto per lo scorso giovedì a seguito delle azioni degli attivisti per il BDS in solidarietà con la Palestina, che hanno sabotato l'iniziativa raccontando e diffondendo "la verità su Ahava e i sui affari con l'Occupazione".

Un annuncio pubblicato Giovedì dichiarava "Il Twitter party sarà rimandato: vi terremo aggiornati sulla nuova data". Ahava Dead Sea Laboratories è una società di cosmetici israeliana che dal 2009 è stata il bersaglio di una campagna di boicottaggio internazionale, a causa delle sue pratiche illegali e della sua connivenza con il sistema di occupazione israeliano.

L'impianto di produzione principale ed il centro dei visitatori della società si trovano in un insediamento israeliano illegale nella Cisgiordania occupata, dove si saccheggia il fango dalle rive occupate del Mar Morto da utilizzare esclusivamente per profitti dell'azienda. Inoltre, le etichette applicate sui suoi prodotti riportano la dicitura "Made in Israel", mentre in realtà vengono realizzati nella Cisgiordania occupata.

Maggiori informazioni sulla campagna in corso contro l'azienda Ahava: www.stolenbeauty.org

Fonte: AIC Italiano

Leggi tutto: Ahava annulla il “twitter party” grazie all'azione di attivisti del BDS

Attivisti palestinesi hanno accolto con favore oggi la notizia che due imprese francesi, Safege e Poma, hanno annullato la loro partecipazione nel progetto per una funivia a Gerusalemme, che collegherebbe gli insediamenti illegali di Israele, dopo essere state messe in guardia sugli associati rischi giuridici dai ministeri francesi della finanza e degli esteri.

Reti di solidarietà in tutta Europa avevano sollecitato la Safege e la Poma di ritirarsi dal progetto.

Mahmoud Nawajaa, un portavoce per il Comitato nazionale palestinese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BNC), l'ampia coalizione di organizzazioni della società civile palestinese che lavora per sostenere il movimento per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), ha detto:

"Safege e Poma hanno preso l'unica decisione sensata e hanno così evitato di partecipare nella colonizzazione israeliana della terra palestinese. In questo modo hanno anche evitato di diventare obiettivi del movimento internazionale per il BDS".

"La campagna BDS contro altre due società francesi, Veolia e Alstom, che ha condotto alla perdita di miliardi di dollari di contratti in tutto il mondo, ha creato un precedente per altre aziende multinazionali, insegnando che la complicità con la colonizzazione israeliana della terra palestinese viene ad un costo pesante."

Leggi tutto: Imprese francesi si ritirano dal progetto per la funivia a Gerusalemme dopo avvertimenti del governo

di Amena Saleem

Nel Regno Unito è stato vietato all’Ufficio turistico del governo di Israele di utilizzare una pubblicità che implica che la città vecchia di Gerusalemme è parte di Israele.

La pubblicità mostra una foto panoramica della città vecchia con la didascalia “Israele ha tutto”. La pubblicità è apparsa in un opuscolo prodotto dall’Ufficio turistico del governo di Israele (IGTO). 

La scorsa settimana, l’autorità di vigilanza del Regno Unito (ASA) ha accolto una dununcia contro la pubblicità e ha vietato che essa possa apparire nuovamente nella sua forma attuale.

Non è questa la prima volta che una campagna pubblicitaria dell’IGTO è sanzionata dal garante.

L’Ufficio turistico del governo israeliano produce da diverso tempo annunci pubblicitari che o cancellano la Cisgiordania occupata e Gaza dalla carta geografica o eliminano fisicamente ogni traccia della storia e del patrimonio culturale palestinese al fine di promuovere Israele come meta turistica.

L’ultima pubblicazione dell’IGTO è una brochure patinata di 32 pagine, dal titolo "Sapore di Israele", distribuita nel mese di febbraio dalla catena di supermercati Waitrose.

Leggi tutto: Garante UK per la pubblicità sanziona annuncio turistico secondo cui Gerusalemme appartiene a...

Gli studenti che hanno fatto campagna elettorale alla School of Oriental and African Studies  [Scuola di Studi Orientali e Africani] (SOAS) dell’università di Londra stanno festeggiando  una grande vittoria a favore del movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) dopo il referendum che ha appoggiato il boicottaggio accademico di Israele in modo massiccio.

Il risultato, reso noto venerdì [27 febbraio] dopo cinque giorni di votazioni, ha mostrato che uno schiacciante 73% degli oltre duemila votanti ha appoggiato il boicottaggio. Gli aventi diritto al voto sul quesito se la SOAS debba recidere ogni rapporto con le istituzioni accademiche israeliane comprendevano gli studenti, le facoltà e il personale a contratto.

Benché altre comunità universitarie, associazioni di studenti ed enti accademici in molti Paesi abbiano sostenuto il boicottaggio con dei referendum, il fatto che tutte queste categorie del SOAS avessero diritto al voto   ha stabilito un precedente.

In seguito all’annuncio dei risultati, la campagna per il “Sì” della SOAS ha emesso un comunicato in cui ha sottolineato che la vittoria “ha dimostrato che l’appello popolare del BDS è una forma efficace di protesta e di resistenza.”

Leggi tutto: La SOAS dell’Università di Londra sostiene il boicottaggio di Israele con un voto schiacciante

Comune di Salice Salentino (LE)

All’Associazione Nazionale “Città del Vino”
Al Movimento BDS Italia

OGGETTO: Richiesta di sospendere viaggio di studio CdV in Israele.

In riferimento alla nota di pari oggetto del Movimento BDS datata 31.01.2015 acquisita all’Ente in data 04.02.2015 con prot. Nr. 1364, in qualità di Sindaco di un Comune associato all’Associazione Nazionale “CITTÀ DEL VINO”, comunica di condividere i contenuti della citata lettera del movimento BDS e pertanto si associa all’iniziativa di cancellare il viaggio-studio organizzato dalla Vs. Associazione.

Cordiali saluti.

IL SINDACO
Dott. Giuseppe TONDO

Leggi tutto: Comune di Salice Salentino (LE) alla Città del Vino: Sospendere viaggio di studio in Israele

di Nora Barrows-Friedman

Giovedì 19 febbraio 2015 gli organi di rappresentanza studentesca della Northwestern University in Illinois (USA) hanno approvato una risoluzione per il disinvestimento dopo oltre cinque ore di audizioni e dibattito. La risoluzione invita l’università a ritirare i propri investimenti da società che traggono profitto dall’occupazione israeliana.

Ventiquattro studenti senatori hanno votato a favore della risoluzione, ventidue hanno votato contro e tre si sono astenuti. Il giornale universitario The Daily Northwestern ha riferito che l’auditorium da 400 posti era al completo. L’incontro è stato inoltre trasmesso in streaming su YouTube.

Dato che la Northwestern University è un’istituzione privata, il portfolio di investimenti dell’università è tenuto segreto. La risoluzione chiede trasparenza da parte dell’amministrazione universitaria riguardo ai miliardi di dollari che detiene in investimenti. Gli studenti attivi nella campagna dicono che tali investimenti probabilmente includono partecipazioni in almeno sei aziende statunitensi o multinazionali che hanno contratti con l’esercito israeliano.

Lo studente senatore Noah Whinston, uno dei co-autori della risoluzione per il disinvestimento, ha dichiarato al Daily Northwestern, “Questo ci conferma la validità di tutto il lavoro che abbiamo fatto. È il risultato di tutte le voci marginalizzate che abbiamo ascoltato stasera”.

Leggi tutto: Gli studenti della Northwestern University (USA) per il disinvestimento da Israele

di Nora Barrows-Friedman

Martedì notte, in una seconda votazione a sorpresa, il senato studententesco universitario della Stanford University in California ha approvato una risoluzione per il disinvestimento dalle imprese che traggono profitto dalle violazioni di Israele dei diritti dei palestinesi. La vittoria è stata schiacciante con dieci rappresentanti che hanno votato a sostegno della risoluzione, quattro voti contrari e un'astensione.

L'approvazione al disinvestimento arriva appena una settimana dopo il voto espresso sulla risoluzione dal senato studentesco universitario, non passata per la mancanza di un solo voto per raggiungere la maggioranza dei due terzi.

La risoluzione è stata portata avanti dalla coalizione Stanford Out of Occupied Palestine (SOOP), che si compone di diciannove gruppi studenteschi, tra cui la Black Student Union, la MEChA (la più grande organizzazione studentesca Latin*/Chican* degli Stati Uniti) e la Stanford Students for Queer Liberation.

Secondo un comunicato stampa pubblicato martedì notte, la Stanford Out of Occupied Palestine afferma:

Il presidente e il vicepresidente del Senato studentesco hanno deciso di riconsiderare la risoluzione dopo la sconfitta di stretta misura per un solo voto la settimana scorsa (nove a favore, un'astensione, cinque contrari). I rappresentanti degli studenti hanno dichiarato che l'ambiente ostile creato dagli oppositori al disinvestimento durante la seduta della settimana passata aveva loro impedito di votare con la giusta chiarezza e hanno chiesto di poter far coincidere il prorio voto con le proprie vere opinioni.

Leggi tutto: Gli studenti della Stanford University approvano il disinvestimento dalle aziende complici dei...

Fermiamo la Pizzarotti

StopThatTrain su Facebook

bdsitalia Un boicottaggio totale UE costerebbe a Israele miliardi di dollari, avverte il Ministero delle Finanze http://t.co/isX6siA1GQ
8mreplyretweetfavorite
bdsitalia VIDEO: Boicottare Israele, @matteorenzi è oltre il ridicolo. Intervista di LiberaTV a BDS Italia https://t.co/ynYPfl4qnY
38mreplyretweetfavorite
bdsitalia BDS Italia a @matteorenzi : “Sterile e stupido è continuare a ignorare le violazioni di Israele” http://t.co/rAOBtPrXuf via @PopoffQ
1hreplyretweetfavorite

Iscrizione newsletter

Email (*)

Invalid Input

Invalid Input

Tags

Il Movimento BDS

PACBI

BDS in Israele

buy Lexapro online Buy Lexapro buy Lexapro no prescription buy actos online actos generic actos no prescription cheap Pepcid without prescription Buy Pepcid buy generic Pepcid no prescription Zithromax without prescription Buy Zithromax online buy Zithromax no prescription Valtrex without prescription Buy Valtrex Online buy Valtrex no prescription buy Proscar online Buy Proscar buy generic Proscar no prescription Doxycycline without prescription buy Doxycycline online buy cheap Doxycycline no prescription buy Citalopram online Buy Citalopram No Prescription generic Citalopram without prescription buy sertraline online buy sertraline no prescription sertraline without prescription buy Amitriptyline online Amitriptyline No Prescription buy Amitriptyline without prescription Vardenafil no prescription Buy Vardenafil online buy Vardenafil without prescription buy nexium online buy nexium No Prescription nexium without prescription