LIBERTÀ. GIUSTIZIA. UGUAGLIANZA.

Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per i diritti del popolo palestinese.

Comunicati

Comunicati di BDS Italia, del Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC) e della Campagna palestinese per il boicottaggio accademic e culturale di Israele (PACBI)

Barcellona, 16 giugno 2021 - Il Comitato nazionale palestinese per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BNC), la più ampia coalizione della società civile palestinese, accoglie la risoluzione adottata dal Parlamento della Catalogna che condanna il crimine israeliano di apartheid contro il popolo palestinese.

Con questa risoluzione storica, il Parlamento della Catalogna diventa il primo parlamento in Europa a riconoscere pubblicamente che “il sistema applicato da Israele ai Territori [palestinesi] occupati è contrario al diritto internazionale ed equivale al crimine di apartheid così come definito nella Statuto della Corte Penale Internazionale, articolo 7(2)(h).”

La risoluzione è stata sostenuta dai seguenti partiti politici: Candidatura d'Unitat Popular, En Comú Podem, Esquerra Republicana de Catalunya e Partit Socialista de Catalunya. L’auspicio è che questo voto ispiri altri parlamenti regionali dello stato spagnolo, così come quello statale, a stare dalla parte giusta della storia.

La risoluzione è stata registrata il 21 marzo durante la Israeli Apartheid Week (Settimana contro l'apartheid israeliana), in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale. Quel giorno, la Coalizione catalana “Prou Complicitat amb Israel” (Stop alla complicità con Israele) ha organizzato un incontro tra i quattro partiti politici e Bruno Stagno, responsabile per la sensibilizzazione di Human Rights Watch e Esteban Beltran, direttore di Amnesty International-Spagna. Questi ultimi hanno presentato i punti salienti dei rispettivi rapporti sull'apartheid israeliana, sollecitando la Catalogna a non fornire aiuti o assistenza al mantenimento del regime di apartheid ma piuttosto ad agire per porvi fine.

La risoluzione richiede al Governo della Catalogna e al governo spagnolo di avvalersi di tutti gli strumenti politici e diplomatici a disposizione per obbligare le autorità israeliane ad implementare le raccomandazioni di Amnesty International e Human Rights Watch. Si invita inoltre a garantire un focus sul rispetto dei diritti umani negli accordi bilaterali e multilaterali con le istituzioni ufficiali israeliane per evitare qualsiasi forma di sostegno al sistema di apartheid.

Ispirandosi alla risoluzione del Parlamento della Catalogna, la società civile palestinese rappresentata dal BNC si aspetta che il Governo catalano e quello spagnolo adottino, in via prioritaria, le seguenti misure:

  • Vietare il commercio con gli insediamenti illegali israeliani, che equivale a un crimine di guerra secondo il diritto internazionale.
  • Sospendere il commercio militare e sulla sicurezza diretto e indiretto con Israele, compreso l'addestramento, i progetti accademici congiunti di sicurezza militare e tutti i finanziamenti e sussidi militari a Israele. Il recente scandalo sull'uso dello spyware Pegasus della società israeliana NSO Group contro note figure catalane e lo stesso Ministro degli Esteri spagnolo dimostra ancora una volta che il ruolo sostanziale di Israele nella repressione globale, nelle tecniche di sorveglianza di massa e dello spyware deve essere messo in discussione da tutti gli Stati e le regioni autonome.
  • Chiedere all'ONU di indagare sull'apartheid israeliana, #UNinvestigateApartheid, e il ristabilimento del Comitato Speciale delle Nazioni Unite contro l'Apartheid, una richiesta ampiamente sostenuta dalla società civile palestinese così come da personalità internazionali di spicco, in particolare nel Sud del mondo.

Il BNC ringrazia il Parlamento della Catalogna per questa risoluzione contro l'apartheid israeliana. È un primo passo importante degli enti pubblici nel confermare la propria responsabilità in merito allo smantellamento dell’apartheid, #DismantleApartheid. È giunto il momento di porre fine all'apartheid in Palestina, come è stato fatto in Sud Africa quasi tre decenni fa.

Aumentiamo la pressione per convincere la Comunità Internazionale e le Nazioni Unite a rispettare i loro obblighi legali per porre fine all'apartheid israeliana.

Il Comitato nazionale palestinese per il BDS, la più grande coalizione nella società palestinese, accoglie con favore le conclusioni del più recente rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi occupati, il prof. Michael Lynk, secondo cui Israele sta commettendo il crimine di apartheid contro i palestinesi

Il rapporto del Relatore speciale conferma il crescente consenso internazionale sul fatto che il pluridecennale regime di oppressione di Israele contro i palestinesi indigeni includa il crimine contro l'umanità di apartheid e chiede agli stati di "assemblare un menu diplomatico di misure di responsabilizzazione", in risposta.

All'inizio di quest'anno, un rapporto dettagliato di Amnesty International ha concluso che Israele ha imposto sin dalla sua istituzione nel 1948 un regime di apartheid contro l'intero popolo palestinese, chiedendo efficaci misure internazionali di responsabilizzazione per smantellare questo regime.

L'apartheid è finalmente diventata un quadro di riferimento inevitabile per affrontare la sistematica negazione da parte di Israele dei diritti dei palestinesi. L'anno scorso, gli studi di Human Rights Watch e della più grande organizzazione israeliana per i diritti umani B'Tselem hanno anche confermato ciò che i sostenitori dei diritti umani palestinesi, sudafricani e internazionali affermano da decenni, che Israele è uno stato di apartheid.

L' iniziativa dei cittadini europei per fermare tutto il commercio con gli insediamenti illegali nei territori occupati è una misura efficace a cui l'Unione europea e i suoi Stati membri devono prestare attenzione come primo passo per porre fine alla loro vergognosa complicità con il progetto degli insediamenti di Israele, che equivale a un crimine di guerra ai sensi del diritto internazionale. Altri stati hanno anche l'obbligo legale di porre fine a tutte le forme di sostegno al regime di apartheid di Israele e di collaborare per porre fine a questo regime.

Il rapporto del Prof. Lynk raccomanda di ristabilire il Comitato Speciale delle Nazioni Unite contro l'Apartheid, una richiesta ampiamente sostenuta dalla società civile palestinese così come da figure internazionali di spicco, in particolare nel Sud del mondo , che stanno facendo pressioni sulle Nazioni Unite aprano un’indagine sull’apartheid (#UNInvestigateApartheid).

L'ONU, sotto l'egemonia statunitense ed europea, fu direttamente responsabile nel 1947-48 di aver consentito l'instaurazione di un regime di colonialismo sionista e di apartheid attraverso la pulizia etnica della maggioranza dei palestinesi indigeni. Questo obbliga legalmente e moralmente l'ONU ad assumersi la responsabilità di smantellare l’apartheid (#DismantleApartheid) nella Palestina storica come ha fatto anni fa in Sud Africa. È giunto il momento che le Nazioni Unite consegnino l’apartheid alla storia.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

Alla Rettrice
dell’Università “La Sapienza”
Roma, 30 marzo 2022

Gentile Prof.ssa Polimeni,

scriviamo questa lettera per esprimere il nostro rammarico per il veto di fatto imposto all’iniziativa “Amnesty International sull'Apartheid in Palestina” in programma martedì 22 marzo alla facoltà di Lettere e Filosofia, Villa Mirafiori.

Come Lei sa, la richiesta di un incontro per presentare il rapporto pubblicato a febbraio da Amnesty International sull’ apartheid di Israele nei confronti della popolazione palestinese era stata regolarmente richiesta dagli studenti e approvata oltre una settimana prima dal referente, Prof. Piergiorgio Donatelli.

All’università erano noti i nomi delle relatrici, Maya Issa, che a nome dei giovani palestinesi avrebbe introdotto il tema, Tina Marinari, Responsabile Campagne di Amnesty International Italia; Vera Pegna, scrittrice di origine ebraica, nota per il suo impegno politico, già in passato a fianco di Danilo Dolci contro la mafia, figura di spicco nel panorama culturale contemporaneo.

L'arte e la cultura hanno svolto un ruolo fondamentale nei movimenti di resistenza nel corso della storia. Quest'anno, la Settimana contro l'apartheid israeliana (IAW) celebrerà le culture della resistenza ed esplorerà i legami intersezionali tra la lotta di liberazione palestinese e le lotte globali per la giustizia.

Condivideremo esperienze che mirano a contrastare la cancellazione e l'imperialismo culturale presentando artisti, poeti e creatori dalla Palestina e dall'esilio, nonché da tutto il mondo, eventi che culmineranno in un raduno globale il 26 marzo.

Mai prima d'ora l'apartheid israeliana è stato così palpabile per i media tradizionali. La IAW si svilupperà sull'impulso dato dal rapporto di Amnesty International pubblicato a febbraio e farà avanzare le raccomandazioni e le richieste della campagne di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni  (BDS) che spingono l'ONU a indagare sull'apartheid israeliana (#UNinvestigateApartheid), per imporre l'embargo militare contro Israele (#MilitaryEmbargo), per coinvolgere la Corte Penale Internazionale (#ICC4Israel) e per imporre sanzioni a Israele (#SanctionsOnIsrael).

Partecipa alla 18° Settimana contro l'apartheid israeliana (IAW), che sostiene le campagne BDS per contribuire a porre fine a questo crimine contro l'umanità.

Globale:

Partecipa all’evento internazionale: Rally globale 2022 L’Arte contro l'apartheid
Sabato 26 marzo dalle 16:00 alle 17:30
in contemporanea mondiale.

Evento con artisti di tutto il mondo che pongono l'arte e la cultura come strumento della resistenza collettiva all'apartheid israeliana e a tutte le forme di razzismo e oppressione. Danza, musica, poesia, il raduno metterà in evidenza il ruolo che la cultura e l'arte svolgono nella decolonizzazione delle nostre menti.

Iscriviti

In Italia:

Bologna

20 marzo ore 21.30
Proiezione: Sarura, Il futuro è un luogo sconosciuto

27 marzo ore 17.30 (Annullato)

L'Arte nella lotta: un approccio decolonizzante

2 aprile ore 20.30
Arte e cultura contro l’apartheid israeliana

6 aprile ore 18.00
Israele e apartheid: quale futuro?

Genova

31 marzo

Proiezione documentario su Naji Al Ali - Lettura teatrale: Di Ritorno ad Haifa

2 Aprile

Presentazione del libro di Naji Al Ali: Handala – Un bambino in Palestina

8 Aprile

Incontro con i Giovani Palestinesi d'Italia

Messina

21 marzo ore 20.00
Proiezione: Naila and the uprising

Reggio Emilia

5 aprile ore 18.30
Israele-Palestina: Una questione di apartheid?

Roma

22 marzo ore 17.00
Amnesty International sull'Apartheid in Palestina

Torino

25 marzo ore 20.30
Il potere della musica: figli delle pietre in una terra difficile

26 marzo dalle 17.00
Art Against Apartheid

Trieste

25 marzo ore 18.30
Arte e Resistenza

Segnala altre iniziative IAW nelle vostre città: saranno inserite sul sito di BDS Italia

Le comunità di tutto il mondo organizzano azioni ed eventi IAW per ribadire che siamo uniti contro il razzismo. #UnitedAgainstRacism.

Partecipa anche tu!

I palestinesi guardano con empatia alle sofferenze di milioni di ucraini che affrontano la guerra, in particolare gli oltre due milioni di rifugiati che cercano sicurezza nei paesi vicini. In armonia con la maggioranza assoluta dell'umanità che vive nel Sud del mondo, il Comitato nazionale palestinese per il BDS, la più grande coalizione nella società palestinese che guida il movimento globale BDS, si oppone alla guerra, sia che si tratti dell'aggressione illegale della Russia in Ucraina oggi, che viola la Carta delle Nazioni Unite indipendentemente dalle persistenti provocazioni della NATO, o delle molte guerre, palesemente illegali e immorali degli ultimi decenni, guidate dagli Stati Uniti o dalla NATO, che hanno devastato intere nazioni e ucciso milioni di persone. 

Vediamo nella calorosa accoglienza da parte dell'Occidente dei rifugiati bianchi ucraini un esempio di come tutti i rifugiati che scappano dalle devastazioni della guerra, dalla devastazione economica o dall'ingiustizia climatica dovrebbero essere trattati dall'Occidente, in particolare quando questi disastri sono causati principalmente dall'imperialismo occidentale . Questo calore, tuttavia, è in netto contrasto con il modo in cui questi stessi paesi hanno trattato i rifugiati di pelle bruna e nera che arrivano alle loro coste e ai loro confini, con razzismo, muri, respingimenti, separazioni familiari forzate e persino annegamenti - lo stesso fanatismo che i rifugiati non-bianchi dall'Ucraina hanno sperimentato

Questo doppio standard occidentale è doloroso, irritante e umiliante per le persone nel Sud del mondo, compresi i palestinesi. Dopo tutto, il regime pluridecennale di occupazione militare, colonialismo e apartheid di Israele non è solo "Made in the West", ma è ancora armato, finanziato e protetto dall'assunzione di responsabilità da quello stesso Occidente profondamente coloniale e razzista, in particolare Stati Uniti, Regno Unito e UE. 

Insistendo sull'uguale valore degli esseri umani e dei loro diritti, il movimento a guida palestinese per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) fa campagne per porre fine alla complicità con il regime di oppressione israeliano che ci nega libertà, giustizia e uguaglianza. Il reverendo Martin Luther King Jr. una volta ha descritto il boicottaggio per la giustizia razziale come "ritirare... la cooperazione con un sistema malvagio". In effetti, il BDS sta facendo pressioni su stati, imprese e istituzioni affinché mettano fine alla loro cooperazione diretta e indiretta con il regime israeliano che ci sta uccidendo, sottoponendo alla pulizia etnica, negando ai nostri rifugiati il diritto di tornare a casa, incarcerando, rubando la nostra terra, soffocando in bantustan sempre più piccoli e assediando due milioni di noi nel campo di prigionia a cielo aperto di Gaza – una Nakba tutt’ora in corso

In quanto movimento per i diritti umani nonviolento e antirazzista, il BDS ha costantemente preso di mira le aziende e le istituzioni in base alla loro complicità, non all'identità. Il BDS non si rivolge contro persone comuni, anche se affiliate a istituzioni complici, purché non le rappresentino.

Gli attuali boicottaggi occidentali, isterici e discriminatori, imposti alle persone comuni russe sulla base della loro identità o delle loro opinioni politiche sono quindi antitetici ai principi etici del movimento BDS. I media occidentali mainstream, compreso un articolo sorprendentemente corretto del New York Times, hanno iniziato a scoprire questo fatto, confrontando favorevolmente il boicottaggio dell’Israele dell’apartheid attuato dal BDS, "molto più sofisticato”, istituzionale e basato sulla complicità, con i boicottaggi pericolosamente xenofobi, basati sull'identità e maccartisti contro le persone comuni russe. 

Queste misure, alimentate da media mainstream occidentali profondamente razzisti, sciovinisti e faziosi, hanno incluso il boicottaggio di film russi, figure culturali (tra cui Čajkovskij e Dostoevskij, morti entrambi alla fine del 1800!), accademici (tranne coloro che denunciano pubblicamente l'invasione), e persino i gatti russi . Un professore di "etica" medica a New York ha esortato le aziende farmaceutiche a smettere di vendere medicinali alla Russia dicendo: "Il popolo russo ha bisogno di essere pizzicato... [dalla mancanza dei, N.d.T.] prodotti che usa per mantenere il proprio benessere. La guerra è crudele in questo modo”. Un ospedale in Germania – uno stato che difende e arma ciecamente l'apartheid israeliana e che è pieno di razzismo anti-palestinese e maccartismo anti-BDS – ha annunciato che non riceverà più pazienti russi, con una vergognosa violazione del giuramento di Ippocrate. 

L'ipocrisia occidentale ha contagiato le istituzioni internazionali dominate dall'Occidente. La FIFA, il Comitato Olimpico Internazionale, la UEFA, l'Eurovision, l’imponente programma di ricerca accademica dell'UE Horizon, tra gli altri, hanno respinto per anni le richieste del BDS di escludere l'Israele dell’apartheid, proteggendo la loro complicità con luoghi comuni come "lo sport è al di sopra della politica", "la ricerca accademica è al di sopra della politica" e "l'arte è certamente al di sopra della politica". Gli atleti che erano solidali con i palestinesi sono stati pesantemente multati e persino banditi per molti anni, mentre gli atleti e le squadre nazionali che boicottano la Russia in solidarietà con l'Ucraina sono stati attivamente incoraggiati e premiati dagli stessi organismi sportivi. Alcuni coraggiosi campioni arabi stanno cominciando a parlare di questa ipocrisia.

La Corte penale internazionale (CPI) ha sprecato anni in dispute prima di aprire finalmente un'indagine (che deve ancora compiere una mossa concreta) sui crimini israeliani contro i palestinesi, compreso il massacro di Israele del 2014 a Gaza che ha ucciso in poche settimane più di 500 bambini palestinesi. In confronto, pochi giorni dopo l'invasione della Russia, la CPI si è affrettata ad aprire un'indagine.

Oltre all’ipocrisia, la velocità con cui tutte queste entità dominate dall'Occidente hanno boicottato, espulso o altrimenti sanzionato la Russia e le persone comuni russe, solo pochi giorni dopo la sua invasione dell'Ucraina, invia un messaggio chiaramente razzista a palestinesi, yemeniti, iracheni, afgani e molti altri, che afferma che le nostre vite e i nostri diritti come persone di colore non contano. Ironia della sorte, questi atti e le dichiarazioni che li giustificano demoliscono anche di fatto quasi tutte le scuse anti-BDS propagate da Israele e dai suoi apologeti anti-palestinesi in Occidente contro di noi in 17 anni per contrastare le nostre richieste di responsabilizzazione e giustizia.

Mentre il ritornello è sempre stato "gli affari al di sopra della politica", improvvisamente centinaia di società occidentali hanno interrotto tutti gli affari in Russia per protestare contro l'invasione dell'Ucraina, ma nessuna di loro ha mai protestato contro le selvagge e mortali invasioni americane dell'Iraq e dell'Afghanistan. Ad esempio, McDonald's ha una filiale a Guantanamo Bay, il campo di tortura più famoso del mondo. Molte di queste stesse società, come HP, Hyundai, Caterpillar, General Mills e Puma, sono prese di mira dal movimento BDS per aver sostenuto attivamente l'occupazione militare pluridecennale e il regime di apartheid di Israele contro i palestinesi. Airbnb, che si è ritirato dalla Russia a pochi giorni dall'inizio dell'invasione, continua a promuovere inserzioni pubblicitarie per gli insediamenti illegali israeliani costruiti su terre palestinesi rubate, che è un crimine di guerra. 

È anche fondamentale mettere le cose in chiaro per quanto riguarda legalità e moralità delle sanzioni. Gli stati e le organizzazioni interstatali possono imporre sanzioni a condizione che mirino a porre fine a gravi violazioni del diritto internazionale, come aggressioni, annessioni e dominazioni coloniali, o apartheid, senza distinzione tra gli stati responsabili. Per essere legittime, le sanzioni devono rispettare i diritti umani fondamentali e gli obblighi umanitari ed essere proporzionate alla gravità della violazione. Le sanzioni guidate dagli Stati Uniti, tuttavia, sono state applicate in modo selettivo per promuovere gli interessi geopolitici e, quando prendono di mira gli stati del Sud del mondo in particolare, sono state progettate principalmente per devastare la gente comune per ottenere alla fine un "cambio di regime". In alcuni casi, come l'Iraq, queste sanzioni hanno portato a risultati di genocidio

Al contrario, il BDS, e con esso la società civile palestinese, chiede sanzioni mirate, proporzionate e legittime che mirino a porre fine all'oppressivo sistema israeliano di apartheid, colonialismo di insediamento e occupazione, senza danneggiare la gente comune. Queste includono un embargo globale a livello militare e della sicurezza, il taglio dei legami finanziari con le banche che finanziano l'apartheid e gli insediamenti e l'espulsione dell’Israele dell'apartheid dalle Olimpiadi, dalla FIFA, da Horizon e da altri organismi internazionali. D'altra parte, tagliare la fornitura di cibo, medicine e altri beni di prima necessità, come spesso fanno le sanzioni statunitensi, non può mai essere moralmente o legalmente giustificato.

Infine, la guerra è invariabilmente malvagia, ma per alcuni rappresenta un'opportunità contorta. Tra i maggiori profittatori della guerra in Ucraina fino ad ora ci sono state le società occidentali nei settori della sicurezza e dei combustibili fossili. Anche Israele ha visto questa guerra, come altri disastri, come una grande opportunità per vendere gas all'Europa e attirare gli investimenti degli oligarchi, rafforzando così la sua economia di apartheid. Con le sue leggi fiscali discriminatorie che esentano i nuovi "immigrati" ebrei (visti dagli autoctoni palestinesi come coloni) dalle tasse sulle loro entrate all'estero per almeno 10 anni, Israele sta attirando molti oligarchi russi (quelli che sono ebrei) che fuggono dalle sanzioni occidentali. Un esempio lampante è Roman Abramovich, che ha ottenuto la cittadinanza israeliana nel 2018 e il cui jet è atterrato a Tel Aviv il primo giorno dell'invasione russa. Nella totale impunità, ha donato negli anni più di 100 milioni di dollari al gruppo di coloni fanatici violenti, Elad, che lavora per espellere i palestinesi dalle loro case nella Gerusalemme occupata. 

Ossessionato dal mantenimento del suo "regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo", come lo chiama la principale organizzazione israeliana per i diritti umani, B'Tselem, l'Israele dell’apartheid sta anche sollecitando i rifugiati ucraini che sono ebrei (mentre discrimina i non ebrei, ovviamente) a emigrare, con piani di sistemare illegalmente molti di loro su terre palestinesi rubate nel territorio occupato. I palestinesi, ancora una volta, stanno pagando a caro prezzo una guerra in cui non hanno avuto alcun ruolo.

Tuttavia, non chiediamo la carità. Chiediamo responsabilizzazione, giustizia e piena uguaglianza per tutta l'umanità. Stiamo costruendo un potere della gente comune e reti di solidarietà intersezionale più forti per tagliare i legami della complicità internazionale con il regime di apartheid israeliano. Mentre la nostra lotta di liberazione è una piccola parte delle lotte globali per la giustizia indigena, razziale, economica, sociale, di genere e climatica, la Palestina rimane agli occhi di gran parte del mondo un indicatore chiave della capacità delle società occidentali di decolonizzare e superare veramente la loro secolare colonialità razzista

Come ha scritto una volta John Dugard, giurista sudafricano ed ex giudice ad hoc della Corte internazionale di giustizia, “[La] questione della Palestina è diventata la cartina di tornasole per i diritti umani. Se l'Occidente non mostra preoccupazione per i diritti umani [dei palestinesi] ... il [resto del mondo non occidentale] trarrà la conclusione che i diritti umani sono uno strumento impiegato dall'Occidente contro regimi che non gli piacciono e non uno strumento obiettivo e universale per la misurazione del trattamento delle persone in tutto il mondo”.

È giunto il momento di dare ascolto all'appello palestinese del BDS a contribuire alla nostra tanto attesa liberazione.

Fonte: BNC

Traduzione di BDS Italia

Decolonizziamo l'arte!

Ogni anno in tutto il mondo si celebra l'Israeli Apartheid Week, una settimana di eventi organizzati per denunciare l'apartheid israeliana e sostenere la lotta di liberazione del popolo palestinese.

Il sistema politico militare del governo israeliano ci coinvolge profondamente per diverse ragioni: è il modello a cui anche i paesi occidentali aspirano per quanto riguarda il controllo e la militarizzazione della società, è il fornitore principale dei sistemi bellici che rendono le nostre frontiere luoghi di morte, è un punto di riferimento per le politiche securitarie europee, basate sulla cultura del nemico, sempre in allarme perché il nemico è dietro l’angolo o persino già in casa. Questo è il modello di Israele. Modello vincente, funzionante e perfettamente esportabile.

Siamo in tantǝ ad opporci a questo modello attraverso numerose lotte politiche: riappropriazione degli spazi, lotta in frontiera e molte altre in un processo collettivo di decolonizzazione dell'egemonia politica occidentale e del dominio capitalistico. 

In quest'occasione vogliamo far emergere la capacità della cultura e dell'arte nel ripensare i rapporti di dominazione, di sfruttamento e di ingiustizia su scala mondiale.

Sappiamo che non basta avere una coscienza politica per scardinare i meccanismi, anche mentali, di supremazia occidentale: è necessario ancora metterci in discussione come singoli, mettere in crisi il sistema ideologico dominante, decolonizzare le menti e nelle nostre lotte collettive contro l'appropriazione e l'oppressione culturale.

L'arte ha la capacità di porci davanti ai nostri stessi limiti e di suggerirci nuove alternative (potenti sono state le proteste del 2020 contro il retaggio razzista di molte statue simbolo delle città occidentali o la pratica di sostituzione dei toponimi delle strade italiane da parte dei movimenti femministi).

Lanciamo questa call artistica per concretizzare il nostro impegno per la Palestina e per l'intersezionalità dell'anti-razzismo, con l'obiettivo di coinvolgere in una riflessione sia le persone che vorranno contribuire inviandoci un'opera che tutte quelle che attraverseranno l'evento del 26 Marzo presso il CSOA Gabrio di Torino.

Le opere verranno vendute all'asta per sostenere la Om Soleiman Farm, un progetto di agricoltura sostenibile per garantire indipendenza economica e alimentare alla popolazione palestinese. Per lə giovanə palestinesi che animano questo collettivo l'agricoltura è liberazione: è emancipazione dal ricatto di dipendenza dall'economia israeliana, è uno strumento per la ri-apropriazione della terra che ogni giorno viene loro sottratta e occupata (la stessa farm si trova a pochi metri da una colonia illegale) e un atto di ribellione da una società incentrata esclusivamente sul profitto, piuttosto che sulla salute e sull'autodeterminazione.

COME PARTECIPARE?

Vi chiediamo di riflettere attraverso le immagini il tema dell' apartheid in Palestina, dell'alleanza politica tra i popoli esistenti, dell'oppressione israeliana e occidentale e delle lotte per la libertà.

Ogni tecnica è ammessa: grafica, illustrazione, fotografia, tenendo conto che le immagini verranno stampate a colori in digitale.

Vi chiediamo quindi di inviarci all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il giorno 21/03/2022:

  •  un'immagine in PDF in formato A4 per quanto riguarda illustrazioni e grafiche, in formato A5 se scegliete la fotografia.

Le opere verranno stampate a colori, pertanto potete sbizzarrirvi, ma l'ideale sarebbe che il file sia in CMYK

Le opere verranno esposte il 26 Marzo al CSOA Gabrio di Torino e  verranno vendute all'asta. Il ricavato verrà mandato al collettivo Om Suleiman Farm

BDS: CHI SIAMO E COSA FACCIAMO?

Il BDS è un movimento globale nato con l’intento di sostenere i diritti del popolo palestinese che si oppone ad ogni forma di razzismo, fascismo, sessismo, antisemitismo, islamofobia, discriminazione etnica e religiosa. Nasce aderendo all’appello della società civile palestinese del 2005 promuovendo campagne e iniziative di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro l'occupazione e l'apartheid israeliane, a livello nazionale e locale.

Gli obietti delle azioni del BDS sono "libertà, giustizia e ritorno":

  • Porre termine alla occupazione e alla colonizzazione di tutte le terre arabe e smantellare il Muro;
  • Riconoscere i diritti fondamentali di tutti i cittadini e la piena uguaglianza;
  • Rispettare, proteggere e promuovere i diritti dei profughi palestinesi al ritorno nelle loro case e nelle loro proprietà.

Il movimento BDS è sostenuto da moltissimǝ attivistǝ in tutto il mondo e da personaggi come Angela Davis, Naomi Klein, Roger Waters, Ken Loach e moltǝ altrǝ

Inglese

Let's decolonize art!

Israel Apartheid Week is celebrated around the world every year, a week of events organized to denounce Israeli apartheid and support the Palestinian people's liberation struggle.

The military political system of the Israeli government involves us deeply for several reasons: it is the model to which Western countries aspire when it comes to the control and militarization of society, it is the main supplier of the war systems that make our borders places of death, it is a point of reference for European security policies, based on the culture of the enemy, always on the alert because the enemy is around the corner or even already in our homes. This is the model of Israel. A winning model, functional and perfectly exportable.

Many of us oppose this model through numerous political struggles such as the re-appropriation of spaces and struggles at frontiers in a collective process of decolonization of Western political hegemony and capitalist domination.

On this occasion we want to bring out the ability of culture and art to rethink the relations of domination, exploitation and injustice on a global scale.

We know that having a political conscience is not enough to undermine the mechanisms, including mental ones, of Western supremacy: it is still necessary to question ourselves as individuals, to undermine the dominant ideological system and to decolonize minds in our collective struggles against appropriation and cultural oppression.

Art has the ability to confront us with our own limits and to suggest new alternatives. Just think how powerful the 2020 protests were against the racist legacy of many statues symbolizing Western cities or the practice of replacing the toponyms of Italian streets by feminist movements.

We are launching this artistic call to concretize our commitment to Palestine and to the intersectionality of anti-racism, with the aim of involving in reflection both the people who want to contribute by sending us an example of their artwork and all those who will attend the event on 26th March at the CSOA Gabrio in Turin.The works will be auctioned to support Om Soleiman Farm, a sustainable agricultural project in Palestine, to ensure economic independence and sustenance for the Palestinian population. For the young Palestinians who animate this collective farm, agriculture means liberation: it is emancipation from the blackmail of dependence on the Israeli economy, it is a tool for the re-appropriation of the land that is being stolen and occupied every day.  By the way, the farm is located only a few meters from an illegal colony.  It is also an act of rebellion against a society focused solely on profit, rather than on health and self-determination.

HOW TO PARTICIPATE? 

We are asking you to represent, through your images, the theme of apartheid in Palestine, the political alliance(s) between peoples, Israeli and Western oppression and the struggles for freedom.Any technique is allowed: graphics, illustration, photography, always keeping in mind that the images will be digitally printed in color.

We therefore ask you to send us an email to: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. by 21/03/2022, including:

  • a PDF image in A4 format for illustrations and graphics, in A5 format if you choose photography.The works will be printed in color, so you can indulge yourself, but the file should ideally be in CMYK

The works will be exhibited on March 26 at the CSOA Gabrio in Turin and then auctioned. The proceeds will be sent to the Om Suleiman Farm collective. 

BDS: WHO WE ARE AND WHAT WE DO?

BDS is a global movement born with the intention of supporting the rights of the Palestinian people and in direct opposition to all forms of racism, fascism, sexism, anti-Semitism, Islamophobia, ethnic and religious discrimination. It was born in 2005 following the appeal of the Palestinian civil society promoting campaigns and initiatives of boycott, divestment and sanctions against the Israeli occupation and apartheid, at the national and local levels. The objectives of BDS actions are "freedom, justice and return":

  • ending the occupation and colonization of all Arab lands and dismantling the Wall;
  • recognizing the fundamental rights of all citizens and full equality;
  • respecting, protecting and promoting the rights of Palestinian refugees to return to their homes and properties. 

The BDS movement is supported by many activists around the world and by celebrities such as Angela Davis, Naomi Klein, Roger Waters, Ken Loach and many others.

Parte una Iniziativa dei Cittadini/e Europei/e

Organizzazioni per i diritti umani si mobilitano in tutta Europa perché l'UE vieti il commercio con insediamenti illegali

Il 20 febbraio, in occasione della giornata mondiale per la giustizia sociale, una coalizione formata da più di 100 organizzazioni per i diritti umani, nazionali ed internazionali, ha lanciato una campagna "ICE" per fermare il commercio europeo con gli insediamenti illegali in tutti i territori attualmente occupati (come i territori palestinesi e Sahara occidentale).

L'ICE (Iniziativa Cittadini/e Europei/e) è uno strumento ufficiale di democrazia partecipata previsto dall'Unione Europea e, se raccoglie un milione di firme di cittadini dell'UE nell'arco di 12 mesi, la Commissione europea deve considerare e discutere le richieste della petizione.

In questo caso l'ICE richiede una legislazione dell'UE che vieti il commercio con gli insediamenti illegali, ovunque e in qualsiasi momento, compreso il commercio con gli insediamenti illegali di Israele nella Palestina occupata.

Nonostante gli insediamenti illegali costituiscano un crimine di guerra, ai sensi del diritto internazionale, l'UE consente il commercio bilaterale con essi. Nel caso degli insediamenti israeliani, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invitato gli Stati membri a non fornire loro assistenza e l'Unione Europea ha più volte dichiarato che costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale. Tuttavia, continua a commerciare con loro, e questo favorisce ed incoraggia la loro continua espansione.

Non si chiedono sanzioni, ma l'applicazione di una norma generale del commercio già esistente, nel rispetto del diritto internazionale.

La coalizione #StopTradeWithSettlements, che sostiene l'ICE, è composta da ONG, movimenti di base, sindacati, associazioni, che operano a livello nazionale ed internazionale, come Human Rights Watch, ed altre realtà che si oppongono ai profitti derivanti da annessioni e occupazioni illegali, e chiede a tutti i cittadini europei interessati ai diritti umani, alla giustizia sociale, alla pace e al commercio equo di firmare la petizione.

Per contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Firma la petizione:

Membri della coalizione:

Italia

Amici Mezzaluna Rossa Palestinese, ARCI, Assopacepalestina, ATTAC, CBC Costruzioni Beni Comuni, Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Centro Studi Sereno Regis, Coordinamento Universitario LINK, COSPE, CRED, Cultura e liberta, Defence for Children International Italia, ECO - Ebrei contro l'occupazione, Fairwatch, FIOM -CGIL, Fondazione Basso, Gazzella Onlus, Libera, Medicina Democratica, New Weapon Research Group, Paxchristi Campagna ponti e non muri, Rete Radie' Resch, Rete Romana di Solidarieta con il popolo palestinese, Societa Civile per la Palestina, Un ponte per, WILPF, Artisti resistenti - Roma, Associazione Amicizia Italo Palestinese - Firenze, Associazione amicizia Sardegna Palestina, Associazione culturale Liguria Palestina, Associazione Memoria in Movimento, Donne in nero - comitato di Udine, Gruppo Empolese Emisfero Sud, Il Chicco di Senape Pisa, Liguria per la Palestina, MamAfrica Onlus, Casa dei Diritti dei Popoli - Firenze, COBAS Firenze, Comunita dell'Isolotto Firenze, Fermiamo la Guerra - Firenze, Libere Tutte - Firenze, ODV Salaam Ragazzi dell'olivo Comitato di Trieste, Parallelo Palestina, Una citta in comune - Pisa, Salaam Ragazzi dell'Olivo Comitato di Milano, Ya-Basta - Bologna e Padova

Europei Internazionali

Addameer, Al-Haq, Avaaz, European Coordination of Committees and Associations for Palestine (ECCP), European Legal Support Center, European Trade Union Network for Justice In Palestine, Gastivists, Human Rights Watch, Rābet, SumOfUs

Belgio

Association Belgo-Palestinienne (ABP), Broederlijk Delen, CNCD 11.11.11, Coordination Nationale d’Action pour la Paix et la Democratie (CNAPD), Le Monde Selon les Femmes, Ligue des Droits Humains, Solidagro, Vredesactie, 11.11.11 vecht mee tegen onrecht

Francia

Association France Palestine Solidarite , ATMF, CEDETIM, Chretiens de la Mediterranee, Confederation paysanne, Ensemble!, Groupe d’amitie islamo-chretienne, La CGT, La Cimade, Les Jeunes ecologistes, Ligue des droits de l’Homme, Mouvement international de la Reconciliation - Branche francaise (M.R.), Mouvement pour une Alternative Non-violente, Mrap, Plateforme des ONG Francaises pour la Palestine, Une Autre Voix Juive, Union Juive Francaise pour la Paix, Union syndicale solidaires

Finlandia

Arabikansojen ystavyysseura (AKYS), ICAHD Finland, Psykologien Sosiaalinen Vastuu Ry, Rauhanliitto, Sadankomitea - Committee of 100 in Finland, Suomen Rauhanpuolustajat, Svensk Ungdom / RKP -nuoret, Vihreat nuoret

Germania:

AK Nahost Berlin, Deutsch-Palastinensische Gesellschaft, Freunde von Sabeel Deutschland, Internationale Liga fur Menschenrechte, Judische Stimme fur gerechten Frieden in Nahost, Kairos Palestine Solidaritatsnetz Deutschland, Palastinakomitee Stuttgart, Palastina Spricht, pax christi Diozesanverband Rottenburg-Stuttgart, The Israeli Committee Against House Demolitions (ICAHD) Deutschland

Lussemburgo

Comite pour une Paix Juste au Proche-Orient (CPJPO)

Irlanda

Academics For Palestine (AFP), ActionAid Ireland, Centre for Global Education, Christian Aid Ireland, Comhlamh, Financial Justice - Ireland, Gaza Action Ireland (GAI), Ireland Palestine Solidarity Campaign-IPSC, Irish Muslim Peace & Integration Council (IMPIC), Justice For Palestine, Kairos Ireland, National Union of Students - Union of Students in Ireland (NUS-USI), PalFest Ireland - Art/ festival Supporting Palestine, SADAKA (The Ireland Palestine Alliance), TCD Apartheid Free, Trade Union Friends of Palestine, Trocaire, Unite, Uplift - People Powered Change

Slovenia

Center za družbeno raziskovanje (Cedra), Danes je nov dan, Gibanje za pravice Palestincev, Humanitas, Mirovni inštitut, Proja, Sindikat žerjavistov pomorskih dejavnosti (SŽPD), Slovenska filantropija, 3MUHE Pravična trgovina Fair Trade

Spagna

Confederacion Intersindical Galega, ELA Sindikatua, LAB

Altri europei

Betlehems Venner (Denmark), Palestinagrupperna i Sverige (PGS) (Sweden)

Aumentiamo la pressione del BDS perché vengano imposte sanzioni mirate e smantellata l’apartheid #DismantleApartheid.

Amnesty International, che conta 10 milioni di membri e sostenitori in tutto il mondo, ha appena confermato che il regime di Israele contro l'intero popolo palestinese costituisce il crimine contro l'umanità di apartheid. Accogliamo con grande favore la pubblicazione del rapporto di Amnesty International, dal titolo "L'apartheid israeliano contro i palestinesi: un crudele sistema di oppressione e crimine contro l’umanità".

Il rapporto meticolosamente documentato di Amnesty delinea un sistema brutale e intenzionale di frammentazione, espropriazione, segregazione e oppressione contro i palestinesi autoctoni, residenti sia nella Palestina storica che in tutto il mondo come rifugiati. Questo sistema, conclude Amnesty, rientra nella definizione di apartheid contenuta sia nello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale che nella Convenzione anti-apartheid delle Nazioni Unite.

Il movimento BDS accoglie in particolare l'approvazione da parte di Amnesty relativa alle richieste di pressione per spingere l'ONU a indagare sull'apartheid (#UninvestigateApartheid), di imposizione di un embargo militare (#MilitaryEmbargo), di sanzioni (#SanctionsOnIsrael), di intervento della Corte penale internazionale (#ICC4Israel) e il suo appello agli stati e alle istituzioni perché sia vietato il commercio con gli insediamenti illegali di Israele.

Il rapporto è l'ultimo di una serie di inchieste che confermano ciò che esperti e sostenitori dei diritti umani palestinesi e internazionali affermano da decenni: Israele sta perpetrando il crimine di apartheid contro la popolazione palestinese autoctona.

Assicuriamoci che i governi e le Nazioni Unite agiscano per porre fine al regime di apartheid di Israele come hanno fatto in passato con l'apartheid nel Sud Africa.

Lo scorso giugno l'ex segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha lasciato intendere come Israele stia imponendo l'apartheid ai palestinesi. L'anno scorso 47 esperti indipendenti di diritti umani all'interno delle Nazioni Unite hanno affermato che i piani di Israele di annettere illegalmente la terra palestinese costituirebbero "l'espressione di un'apartheid del 21° secolo”.

L'occasione per un nostro Sud Africa si avvicina. Con il tuo sostegno, possiamo e dobbiamo smantellare l’apartheid (#DismantleApartheid) per vivere in libertà, giustizia e uguaglianza.

Sostieni il movimento BDS promuovendo il rapporto di Amnesty International!

Tweet

Imponiamo il trattamento richiesto dal BDS alle società coinvolte in affari con gli insediamenti coloniali illegali di Israele dell'apartheid!

Tweet

 Chiedi all'ONU di ascoltare l'appello globale e avviare un'indagine sull'apartheid israeliana

Tweet

 Sintesi del rapporto di Amnesty International in italiano

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

++++   Per l'adesione cliccare qui   ++++

Cari amici e compagni, 

Domani, sabato 18 dicembre 2021, è la Giornata Internazionale dei Migranti. I governi e le istituzioni di tutto il mondo rilasceranno dichiarazioni senza senso su quanto si preoccupino dei migranti e dei loro diritti. In molte terre di confine in tutto il mondo possiamo vedere ogni giorno come si svolge questa preoccupazione per il benessere dei migranti: vengono cacciati, maltrattati, sparati, violentati, negati i loro diritti, detenuti, torturati, deportati e costretti a vivere in condizioni disumane con la pandemia di Covid che ancora imperversa.

Solo nelle ultime settimane abbiamo assistito alla morte di 55 migranti in un incidente stradale in Messico, di 27 migranti nel ribaltamento di un gommone nella Manica, di persone ai confini di Polonia e Lituania con la Bielorussia e di persone in viaggio verso le Isole Canarie. Morti evitabili, che si aggiungono alle decine di migliaia di rifugiati morti a causa dei regimi di frontiera mondiali.

Quest'anno è stato pieno di immagini scioccanti di persone disperate al confine tra Polonia e Bielorussia, di continui orrori nelle carceri per rifugiati della Libia, dei milioni di venezuelani in cerca di migliori condizioni economiche e delle centinaia di migliaia di Rohingya del Myanmar che sono stati costretti lasciare le loro case. Abbiamo assistito all'ulteriore erosione dei diritti dei rifugiati, con il processo di normalizzazione dell'UE di respingimenti illegali e una nuova legge australiana che può tenere rinchiusi i rifugiati non deportabili a tempo indeterminato. E abbiamo assistito alla continua espansione del sistema globale di sicurezza e controllo delle frontiere, con i suoi muri e recinzioni, la sua tecnologia di sorveglianza e database biometrici, le sue armi, elicotteri e droni, i suoi centri di detenzione e gli aerei di espulsione.

Secondo l'UNHCR, alla fine dello scorso anno 82,4 milioni di persone, oltre l'1% della popolazione mondiale, sono state sfollate con la forza. Oltre 6 milioni di loro sono palestinesi, che costituiscono oltre la metà del popolo palestinese. La maggior parte di loro è stata espulsa dalle proprie case dal 1948 e sta lottando per il proprio diritto al ritorno. Questo rende la lotta palestinese una lotta paradigmatica dei rifugiati per la giustizia. 

Migranti e rifugiati lottano per i loro diritti a rimanere con dignità e giustizia nei loro paesi d'origine, a trasferirsi, ogni volta che sono costretti, protetti e rispettati, nei paesi di accoglienza e di tornare da dove hanno dovuto fuggire. 

Dopo secoli di colonialismo, i paesi del Nord del mondo hanno imposto il loro micidiale sistema di capitalismo su tutta la terra, distruggendo il pianeta, derubando le persone delle loro terre e risorse, sfollandole e costringendo miliardi di persone a vivere in povertà e insicurezza, a sgobbare per il bene dei ricchi. Gli stessi governi continuano ad alimentare le ragioni per cui le persone sono costrette a fuggire – da esportazioni di armi, interventi militari, cooperazione con dittatori, accaparramento di terre, cambiamenti climatici, relazioni commerciali diseguali, politiche economiche, estere e militari aggressive e così via – spingendo sempre più persone dalle loro case.

Molti di loro restano nel paese di origine, o nei paesi vicini, spesso pieni di problemi propri. Mentre solo una piccola percentuale cerca di raggiungere i paesi del Nord del mondo, sono proprio quegli stati ricchi che stanno suonando a gran voce i tamburi della paura e della xenofobia. Rappresentano le persone in movimento come minacce alla sicurezza nazionale, ad altre persone, all’occupazione. 

I ricchi proteggono la loro ricchezza spendendo trilioni per costruire un apparato militare e di sicurezza per tenere sotto controllo il resto del mondo. Sono loro che stanno costruendo muri e, nel processo di esternalizzazione delle frontiere, spingono altri paesi ad aumentare la sicurezza delle frontiere per tenere i migranti il più lontano possibile dai propri confini.

Gli stati europei hanno costruito oltre 1000 km di muri anti-immigrazione e l'UE sta formando la propria forza armata di polizia di frontiera, il corpo di guardia di frontiera permanente di Frontex. Ha ampliato il mandato di Frontex in generale, anche per operazioni al di fuori dell'Europa, esternalizzando i confini dell'Europa in profondità in Africa e per coordinare le espulsioni congiunte dagli Stati membri dell'UE. Il governo Biden ha denunciato il muro di confine di Trump, ma ha sostituito più tranquillamente questa politica con un muro di confine tecnologico altrettanto distruttivo. L'Australia sta spendendo miliardi di euro per rinnovare le sue forze di frontiera e le attrezzature per la sicurezza delle frontiere.

L'industria militare e della sicurezza ha sollecitato con entusiasmo e con successo i governi e le forze di frontiera ad abbracciare la cartolarizzazione. I risultati sono più sicurezza e controllo delle frontiere, militarizzazione delle frontiere, più muri e recinzioni, uso di sistemi autonomi e intelligenza artificiale, raccolta di sempre più dati personali e così via. In un mercato in rapida crescita, aziende di armi come Lockheed Martin, General Dynamics, Airbus, Leonardo, Thales ed Elbit Systems stanno guadagnando miliardi di dollari ogni anno per mantenere le persone in movimento. Per molte aziende questo significa la seconda volta che traggono profitto dalla miseria dello stesso gruppo di persone, poiché forniscono anche le armi e le tecnologie per mantenere in vita guerre, repressione e violazioni dei diritti umani.

Per anni il governo israeliano, le forze armate e l'industria militare e della sicurezza sono stati in prima linea nella crescente esclusione dei migranti e nello sviluppo e nella fornitura di strumenti e tecnologie per farlo su scala globale. Questa non è una coincidenza, ma si basa su decenni di occupazione, guerra, esclusione e repressione contro i palestinesi, e sempre più anche contro i rifugiati. Lo stato di Israele ha creato un moderno sistema di apartheid basato non solo su un brutale militarismo, muri e repressione, ma anche su un raffinato sistema di tecnologie di sicurezza e apparecchiature di sorveglianza ad alta tecnologia.

Usando termini come "provato in combattimento" e "testato sul campo di battaglia" per promuovere tale equipaggiamento, l'industria degli armamenti israeliana ha esportato con successo le sue merci in tutto il mondo. I droni di Elbit stanno effettuando missioni di sorveglianza per Frontex nel Mediterraneo. La stessa società ha fornito torri di avvistamento per il confine tra Stati Uniti e Messico. Sia la Grecia che la Germania noleggiano droni da Israel Aerospace Industries (IAI) per il pattugliamento delle frontiere.

Per ironia della sorte, anche lo stesso sistema che tiene fuori le persone ne trae profitto. Sta creando un mercato per reti di contrabbando senza scrupoli, a cui le persone disperate in movimento devono rivolgersi per evitare i confini militarizzati e l'aumento dei controlli alle frontiere. Nel frattempo, le persone devono anche utilizzare rotte sempre più pericolose. Come il Mediterraneo, dove decine di migliaia di migranti sono annegati o morti in altro modo, molte terre di confine in tutto il mondo sono state trasformate in cimiteri per i rifugiati. Quelli che arrivano nei paesi ospitanti, vengono sfruttati come lavoratori migranti documentati e privi di documenti. Il denaro può fluire liberamente in tutto il mondo, le persone solo quando hanno abbastanza soldi, o sono strumentali per coloro che ne hanno.

Le prospettive sono fosche. I governi si sono trincerati in un discorso a senso unico di aumento e militarizzazione dei confini, dispiegando misure sempre più draconiane per fermare le persone in movimento, erodendo i diritti dei migranti e aumentando i profitti delle compagnie militari e di sicurezza. 

È su questo sfondo oscuro che dobbiamo cooperare e coltivare semi di resistenza e speranza contro questo sistema letale e le barriere contro le persone che crea. Come movimenti che si sono uniti nell'iniziativa per un mondo senza muri, esortiamo tutti a unire le azioni a sostegno dei migranti e contro i muri di confine. 

Come ogni lotta per la libertà e la giustizia, la lotta contro i confini e i muri sarà lunga e richiede molto più di un giorno di azione. Tuttavia, se uniamo le forze e le forze nella solidarietà, saremo in grado di sconfiggere i sistemi di esclusione e apartheid e creare un mondo più libero, umano e vivibile.

Traduzione di BDS Italia

Mentre gli agricoltori continuano le loro proteste per il restante delle loro rivendicazioni, ci complimentiamo per la loro energica resistenza di fronte alla violenza e alla repressione.

Venerdì 26 novembre ha segnato un anno da quando gli agricoltori di tutta l'India, rappresentati dai nostri alleati All India Kisan Sabha e altre organizzazioni sotto la piattaforma unitaria di Samyukta Kisan Morcha, hanno lanciato la loro poderosa lotta contro le leggi neoliberiste appena introdotte dal governo di estrema destra di Modi. Le richieste degli agricoltori includono l'abrogazione di queste leggi che cercano di legalizzare il già consolidato controllo delle multinazionali sull'agricoltura indiana. Dopo un anno e categorici rifiuti, il Primo Ministro indiano ha annunciato la revoca delle tre controverse leggi. Mentre i contadini continuano le loro proteste che riguardano altre loro rivendicazioni, ci complimentiamo per il loro spirito instancabile e la loro energica resistenza di fronte alla violenza e alla repressione.

Tra i temi principali delle proteste c'è il controllo dell’agricoltura attraverso multinazionali con strumenti come l'agricoltura a contratto. Questo modello è stato introdotto negli anni 90 da un consorzio di aziende israeliane, tra cui Netafim, attraverso il "progetto Kuppam" nell' Andhra Pradesh (Stato dell'India sud orientale, NdT). Mentre continua a vendere i suoi prodotti non sostenibili agli agricoltori indiani, con effetti devastanti sull'agricoltura sostenibile, Netafim raccoglie profitti dai sussidi degli stati indiani e usa questi profitti per promuovere il sistema di oppressione coloniale di Israele contro i palestinesi autoctoni. Netafim fornisce servizi alle colonie illegali israeliane nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est, ed è coinvolta nell'espropriazione di agricoltori palestinesi nella valle del Giordano. Essa maschera sotto forma di ambientalismo la sua complicità con il regime pluridecennale di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid attraverso gli affari che realizza in India e in altre parti del mondo.

Nel 2017 All India Kisan Sabha, che rappresenta 16 milioni di agricoltori e parte delle organizzazioni che guidano le proteste degli agricoltori, ha approvato l'appello del BDS. Le nostre lotte sono intessute tra loro attraverso il dialogo, dal momento che difendono la terra e le risorse delle popolazioni indigene che resistono all'espropriazione coloniale e corporativa. Un numero crescente di organizzazioni e individui politici e culturali in India stanno unendo le loro forze con il movimento, sfidando l'alleanza Hindutva-sionismo che spazia dal commercio di armi agli scambi ideologici. Coloro che ci opprimono sono collusi. Ma con le nostre lotte intersezionali prevarremo, come dimostra la recente vittoria del movimento dei contadini indiani.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia